Non fermiamo il Servizio Civile

 

NON FERMIAMO IL SERVIZIO CIVILE

 

 

 

Sono circa 14.000 i giovani che non avranno l’opportunità di partecipare a progetti di Servizio Civile.

Sono state smarrite circa 14.000 opportunità di poter offrire, ad altrettanti giovani, di vivere un’esperienza che contribuisca alla loro crescita umana, professionale e soprattutto come cittadini attivi, attenti al territorio ed alla società in cui vivono.

Sono ben oltre 14.000 le opportunità che la nostra società ha smarrito rinunciando al contributo che oggi, quei giovani potrebbero dare svolgendo servizi utili alla società tutta e soprattutto che potrebbero offrire, nel futuro, come persone consapevoli dei bisogni, educate alla pace ed alla solidarietà sociale.

ANPAS chiede con fermezza massima attenzione su un tema così delicato.
La riduzione di risorse per le politiche giovanili è certamente un disinvestimento sul futuro.
In un momento storico in cui la fragilità occupazionale e di sviluppo degli strumenti per l’autonomia dei giovani è così spiccata, il mancato sostegno può essere cruciale.

Occorre porre rimedio a questa grave perdita, provvedendo al rifinanziamento di almeno 70 milioni di euro, come previsto nel Disegno di Legge licenziato dal CDM del 31/07/2019, che consenta quantomeno il mantenimento del numeri di giovani impegnati nel Servizio Civile nell’anno 2018 e che ne permetta la costante crescita nel futuro.

 

Scarica comunicato stampa

Fonte: www.anpas.org

 
Protezione civile: al via il campo scuola "Anch'io sono la protezione civile"

Protezione civile: al via il campo scuola

 

http://www.anpasmarche.org/images/stories/protezione_civile/cs_cupra.jpg

 

Dopo l’enorme successo dello scorso anno, mercoledì 28 agosto 2019, a Cupramontana presso l’Abbazia del Beato Angelo, prenderà il via, per il secondo anno consecutivo,  il campo scuola “Anch’Io sono la Protezione Civile”.

Il progetto, a cui parteciperanno 30 ragazze e ragazzi di età compresa tra i 10 e i 16 anni, rientra tra le attività organizzate dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, in collaborazione con le Organizzazioni nazionali e locali di volontariato.

L’esperienza è completamente gratuità e permetterà di far crescere il senso di appartenenza del cittadino al Sistema della Protezione Civile ed alla Macchina dei Soccorsi.


 

Leggi tutto...
 
COMUNICATO STAMPA: Precisazioni su �volontario che insegue la ex in ambulanza�

Falconara Marittima, 01 febbraio 2014 - COMUNICATO STAMPA

Precisazioni su “volontario che insegue la ex in ambulanza”

Numerosi organi d’informazione (si allegano solo alcuni degli articoli) hanno diffuso la notizia che un volontario di una pubblica assistenza “Croce Verde” ha inseguito per ore la propria ex fidanzata alla guida di un’ambulanza, sino a quando quest’ultima si è rivolta alla polizia, che è intervenuta ponendo fine all’aggressione.
Pare quindi opportuno precisare, per dovere di cronaca, che la persona in questione è dipendente della Croce Verde Ancona – Duelle Service Srl e della CTS Ambulanze, società con scopo di lucro che effettuano trasporti sanitari di cui è Direttore operativo Roberto Sordoni.
Pertanto il rapporto fra le suddette Società e la persona coinvolta è quello che si instaura fra datore di lavoro e lavoratore subordinato; il personale di cui trattasi, quindi, si è reso protagonista dell’episodio riportato nell’ambito del proprio orario di lavoro, mentre svolgeva le sue mansioni lavorative quale dipendente della società.
Poco in comune hanno quindi le suddette Società con le Pubbliche Assistenze - Associazioni di Volontariato; entrambe svolgono analoghe attività in modo del tutto rispettabile, ma perseguendo finalità diverse: con scopo di lucro le prime, per solidarietà sociale senza scopo di lucro le seconde.
Il rapporto che si instaura fra le suddette Società ed il proprio personale, infine, può essere solamente quello del lavoro subordinato, e non certamente dell’apporto volontario; rapporto ben diverso da quello che contraddistingue, invece, l’Associazione di Volontariato ed il proprio personale volontario, che opera senza alcun compenso per fornire il proprio ausilio alle persone in difficoltà.
Si auspica, pertanto, una pronta rettifica alle errate informazioni precedentemente riportate.

 

COMUNICATO.PDF

 
COMUNICATO STAMPA: TRASPORTO SANITARIO REGIONALE

COMUNICATO STAMPA  

"TRASPORTO SANITARIO REGIONALE:

L'IMMOBILISMO DELLA GIUNTA PENALIZZERA' I CITTADINI"

 
 “A distanza di più di un anno - dice il Consigliere Regionale PDL Giovanni Zinni – dall'approvazione della legge sul trasporto sanitario, ancora non si hanno notizie dall'Assessore Mezzolani e dalla Giunta del regolamento attuativo che doveva stabilire quali fossero i servizi a carattere prevalentemente sanitario rispetto a quelli che non lo sono, ai fini di un affidamento diretto o tramite bando.  
Leggi tutto...
 
COMUNICATO STAMPA: I Volontari ANPAS Marche in Emilia Romagna

I Volontari delle Pubbliche Assistenze ANPAS Marche impegnati nelle zone terremotate dell’Emilia Romagna

Continua senza sosta l’impegno dei volontari delle varie “Croci”: già impegnati dalle prime ore seguenti al terremoto, essi continuano a garantire l’assistenza alla popolazione colpita dal terremoto

Il Gruppo di Protezione Civile ANPAS Marche è ancora pienamente operativo nelle zone dell’Emilia Romagna colpite dal terremoto, in due distinti campi di attendamento: quello allestito dalla Regione Marche e Massa Finalese (MO), e quello allestito da ANPAS Nazionale a Mirandola (MO).

I Volontari delle 48 associazioni marchigiane si sono resi disponibili fin dalle prime ore dall’emergenza di domenica 20 maggio: alle h. 18.00, dopo aver preparato i mezzi ed i materiali necessari, 25 volontari ANPAS Marche sono partiti alla volta di Massa Finalese (MO) al seguito della colonna mobile organizzata dal Dipartimento di Protezione Civile della Regione Marche. I mezzi impiegati sono stati: n. 2 autoarticolati con cucina mobile, tensostruttura mensa, tavoli e panche; n. 1 pullmino 20 posti; n. 1 autocarro 5T; n. 1 autocarro 3,5 T.

Leggi tutto...