Home arrow Cosa facciamo
Cosa facciamo

ANPAS Marche, tramite le proprie associazioni diffuse capillarmente sul territorio, assicura quotidianamente il servizio di emergenza sanitaria; effettua inoltre il trasporto sanitario e sociale, partecipa attivamente con i propri uomini e mezzi a tantissime manifestazioni di notevole richiamo di pubblico, affrontando e risolvendo le conseguenti problematiche inerenti le grandi difficoltà organizzative. Per assicurare tali servizi secondo standard verificabili di efficienza le associazioni devono adeguarsi a quanto previsto dalle normative regionali, riguardo le caratteristiche ed attrezzature dei mezzi di soccorso, nonché la formazione del personale.

ANPAS Marche in collaborazione con l’Azienda USL 7 (ora Zona Territoriale n° 7), l’Azienda Ospedaliera Umberto I° (ora A.O. Ospedali Riuniti di Ancona) e la Prefettura di Ancona ha partecipato all’organizzazione dell’assistenza sanitaria in occasione della visita di Giovanni Paolo II a Loreto per l’evento EurHope nel 1995, il primo evento che ha visto l’integrazione coordinata di tutte le forze in campo, pubbliche e volontaristiche. Ha organizzato l’assistenza durante la visita del Santo Padre ad Ancona nel maggio 2000.

Ha partecipato al raduno di Loreto 2004 dell’Azione Cattolica Italiana, al quale ha nuovamente partecipato Papa Giovanni Paolo II, mettendo in campo 400 volontari, 25 ambulanze attrezzate per l’emergenza sanitaria, 4 fuoristrada ambulanza, 3 motomediche, 10 pulmini per il trasporto disabili, ed organizzando la mlogistica dell’intervento in un proprio campo base autonomo, che è anche stato messo a disposizione di altre entità limitatamente alla fornitura di pasti caldi. ANPAS Marche è stata impegnata a Loreto (AN) durante la visita di Benedetto XVI all’Agorà dei Giovani 2007 per l’assistenza sanitaria con 450 volontari e 40 automezzi; inoltre la cucina mobile di ANPAS Marche ha preparato i pasti per tutto il personale (1.600 persone fra ANPAS, CRI, gruppi comunali e Regione Marche) impegnato nell’assistenza alla manifestazione.

Un’altra impegnativa assistenza sanitaria è stata presta durante il Congresso Eucaristico Nazionale, che si è concluso ad Ancona l’11 settembre 2011: durante questo lungo servizio sono stati impiegati in 10 giorni di manifestazioni tenutesi in tutta la provincia di Ancona le risorse provenienti da tutta la regione Marche: 59 ambulanze, 19 pullmini per trasporto disabili, 13 quad “medici”, 53 veicoli logistici; 529 sono stati i volontari impegnati nel servizio di assistenza alle persone, 58 i volontari impiegati nel Centro di Coordinamento (CdC), 38 i volontari impiegati nella logistica/segreteria.

ANPAS Marche ha inoltre supportato il proprio livello nazionale con il proprio personale, mezzi ed attrezzature in tutte le occasioni in cui è stato necessario un ausilio logistico in occasione di manifestazioni nazionali: tra gli eventi sono da ricordare l’8° Meeting Nazionale della Solidarietà ANPAS tenutosi ad Ancona ed il successivo a Teramo, ai quali hanno partecipato migliaia di volontari; oppure le numerose celebrazioni per il decennale del terremoto Marche/Umbria che hanno sempre visto ANPAS Marche in prima fila nella parte organizzativa, anche durante la visita del Presidente della Repubblica Italiana.

Sempre in collaborazione con le istituzioni deputate ANPAS Marche ha contribuito alla realizzazione di una particolare rete di assistenza in occasione del Millennium Bug 2000, organizzata per prevenire eventuali anomalie (a tutti i livelli del servizio) connesse al cambio di secolo. Importante è stata anche la reazione fornita in occasione dell’anomalo evento del 17 settembre 2003; durante il black-out nazionale, in condizioni estremamente critiche ed inaspettate, ANPAS Marche è riuscita ad offrire una reazione appropriata che ha permesso di continuare ad assicurare il consueto servizio di emergenza, i trasporti programmati, nonché di effettuare interventi particolari di supporto (sanitari e non) legati alla stretta collaborazione con il Dipartimento di Protezione Civile ed il Servizio di Protezione Civile della Regione Marche.

ANPAS Marche ha fornito la propria assistenza anche alla Conferenza Europea in difesa dell’Adriatico e dello Ionio, ai cortei di migliaia di pellegrini con destinazione Loreto (Giubileo 2000); al “IX Torneo Nazionale di Calcio dell’Ordine degli Ingegneri d’Italia”, ove ha garantito il servizio sanitario fino a 12 partite in un unico giorno, con ambulanze, medici, volontari soccorritori qualificati, operatori radio, etc.

ANPAS Marche è inoltre intervenuta in tutte la maxi emergenze di Protezione Civile attivate dal Dipartimento Nazionale: dal terremoto Marche-Umbria al rafforzamento dell’assistenza sanitaria in occasione del raduno europeo dei Giovani di Roma 2002; dal terremoto avvenuto in Molise nel 2002 fino all’assistenza per i partecipanti alle esequie di Papa Giovanni Paolo II. Il Gruppo di Protezione Civile ANPAS Marche si è anche attivato durante il notevole fenomeno alluvionale che nel 2006 ha colpito duramente prima le zone a sud di Ancona ed 1 settimana dopo quelle a nord della città. Enorme è stato anche lo sforzo profuso durante il terremoto in Abruzzo, dove il Gruppo di Protezione Civile di ANPAS Marche è stato impegnato a L’Aquila su 2 fronti: con la Colonna Mobile della Regione Marche presso l’Ospedale San Salvatore, e con la colonna Mobile di ANPAS Nazionale presso lo stadio del rugby di Acquasanta. I volontari hanno prestato la propria opera fin dal 6 aprile con i mezzi di soccorso, il supporto logistico, il trasferimento di personale e di materiali e nella preparazione dei pasti con la propria cucina mobile; da allora il personale ANPAS Marche ha continuato ininterrottamente ad operare in zona fino al rientro delle ultime attrezzature, avvenuto nel mese di 19 dicembre. Di recente i volontari e le attrezzature di ANPAS Marche sono intervenute nel terremoto dell’Emila Romagna sin dal 20 maggio, sempre operando su 2 fronti: a Massa Finalese presso il campo allestito dalla Regione Marche, dove gli ospiti dell’attendamento per 3 mesi hanno consumato sotto la tensostruttura di ANPAS Marche i pasti preparati dalla cucina mobile e dai cuochi ANPAS. Altri volontari sono stati impiegati presso i campi allestiti da ANPAS Nazionale a Mirandola e Novi di Modena.

Lo stesso Gruppo è intervenuto anche in Pakistan durante il terremoto del 2005 insieme al Servizio di Protezione Civile della Regione Marche, che ha attivato un proprio presidio nella città di Manshera, profondamente colpita da gli eventi sismici, rendendo operativo un ospedale da campo, funzionale ed attivo per alcuni mesi, con 200 posti letto, sale operatorie, reparti di rianimazione, radiologia, ostetricia, pediatria e laboratorio analisi; l’ospedale era gestito da 25 persone che collaboravano per il regolare funzionamento del campo: ANPAS Marche ha fornito il personale addetto alla cucina ed alla segreteria.

Questa assistenza in Pakistan ha travalicato il concetto di Protezione Civile in senso stretto, ovvero l’intervento nella fase acuta post evento. In realtà è da considerarsi più un’attività di Solidarietà Internazionale, a cui ANPAS aderisce volentieri in quanto rientra perfettamente nei suoi obiettivi ideali di azione. ANPAS Marche, ad esempio, è attiva fin dall’immediata fine della guerra in Bosnia con attività che l’hanno portata ad effettuare raccolte di materiali necessari nell’immediato periodo post bellico, provvedendo anche autonomamente al trasporto, sempre in accordo con le autorità istituzionali italiane, civili e militari. Fin dal 2000 è attivo a Sarajevo un progetto in partnership con un’Associazione locale che ha portato anche nell’anno 2006 a 2 missioni in loco con il trasferimento di un carico di aiuti umanitari ed il dono di un pulmino specificatamente attrezzato per il trasporto disabili.

Nell’ambito dell’attività di Protezione Civile ANPAS Marche ha sempre assicurato lo spostamento di uomini ed  attrezzature con i propri mezzi, molto spesso sotto il coordinamento del Dipartimento di Protezione Civile della Regione Marche. Da ricordare, solo a titolo di esempio, il trasporto del personale di assistenza sanitaria ANPAS Marche, e molto spesso anche quello dell’ARES (Associazione Regionale Emergenza Sanitaria), con il proprio autobus 55 posti in tutte le più importanti manifestazioni (Visite del Santo Padre, celebrazioni decennale terremoto Marche/Umbria, esercitazioni di massa in regione ed anche in Sicilia e Basilicata); oppure durante le vere emergenze di Protezione Civile (terremoto Pakistan,terremoto Abruzzo).

ANPAS Marche ha anche organizzato momenti di formazione importanti, oltreché per i propri volontari, anche per tutto il personale sanitario che ruota nell’emergenza sanitaria. Uno dei più importanti è stato il convegno “118 Bimbi – la carta dei diritti del bambino in ambulanza” organizzato a maggio 2005 in collaborazione con l’A.O. Ospedali Riuniti di Torrette: hanno partecipato 200 convegnisti tra medici ed infermieri, oltre a 100 volontari delle PP.AA. Sempre in relazione ai momenti di riflessione, che sono necessari per programmare strategicamente l’evoluzione futura del sistema sanitario, ANPAS Marche ha organizzato a Macerata nel giugno 2007 il Convegno "Trasporto Sanitario nelle Marche - intervenire per non morire" al quale sono intervenute per dibattere sul tema le massime cariche istituzionali della Regione Marche, nonché importanti personaggi di riferimento per gli aspetti tecnici.

Importanti sono anche le collaborazioni attivate con altre entità del no profit. ANPAS Marche collabora ad esempio con il “Progetto Sollievo”: una rete di associazioni che assiste utenti affetti da disagio mentale con cui si organizzano momenti di svago ed iniziative culturali. Nel solo 2009 sono state effettuate congiuntamente ben 15 attività. Nel 2008 è stato attivato il Corso di Formazione “CI SIAMO” sulla figura del volontario nella relazione d’aiuto, destinato a tutte le persone interessate ad approfondire l’approccio al disagio mentale. A luglio la meravigliosa esperienza che ha portato i volontari Anpas ad organizzare ad Ancona, lavorando insieme agli utenti del Sollievo, la Fiesta Loca dove volontari, mezzi ed attrezzature di ANPAS Marche sono stati indispensabili per realizzare la manifestazione gastronomica e di spettacoli.

ANPAS è, inoltre, Ente autorizzato per le Adozioni Internazionali e si avvale della collaborazione dei Comitati Regionali per incontri informativi con le coppie e per tutte le pratiche necessarie al conferimento del mandato.

Il comitato Regionale ANPAS Marche è sede periferica dell’Ente accreditato per il Servizio Civile Nazionale e Regionale (ANPAS Nazionale).

L’ANPAS Marche è, inoltre, Centro di Formazione BLSD IRC accreditato presso la Regione Marche ai sensi della delibera 1493/2012.

 

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Scadenza bando 26/06/2017
  
Vai all'articolo