Chi e' online

Visitatori: 1319458
   
  R.I.E.S.C.O. Marche 
   
 Eroi in prima linea  
  

Login Form






Password dimenticata?
Home
Pubblica Assistenza Croce Verde Valdaso di Altidona (FM)

 

Pubblica Assistenza Croce Verde Valdaso di Altidona (FM)

In allegato una significativa rassegna stampa, che ancora una volta dimostra (semmai ve ne fosse bisogno) come la tempestività nell’intervento di soccorso sia importante quanto il livello di professionalità, peraltro oramai ampiamente acquisita anche dalle componenti del volontariato.

Quello descritto è solo uno delle centinaia di interventi quotidianamente prestati dalle Pubbliche assistenze ANPAS e dal loro personale adeguatamente preparato, balzato all’attenzione della cronaca per la tenera età del paziente e per il felice esito finale: in realtà tutte le associazioni effettuano quotidianamente la stessa attività senza pretendere alcun riflettore, ma solo per la gratificazione di fare qualcosa di utile per il prossimo.

 

Si pone in risalto l’aspetto paradossale rappresentato dal fatto che questo intervento è stato praticato da una delle associazioni la cui cancellazione dal quadro operativo sarebbe prevista dall’illuminata revisione della Rete Territoriale del Soccorso operata dall’ASUR.

Questo e tanti altri episodi analoghi dovrebbero far riflettere sull’importanza del first responder, ovvero del vantaggio di avere postazioni capillarmente distribuite sul territorio, in grado di gestire l’intervento di soccorso in attesa dell’equipe sanitaria, garantendo comunque nel frattempo l’immediata informazione realistica sull’evento in atto, la sicurezza dell’area, e le manovre di soccorso “salvavita”, come nel caso di specie.

La domanda che sarebbe necessario porsi potrebbe essere: meglio avere subito un equipe di soccorso di base oppure dover attendere decine di minuti un equipe di soccorso avanzato? Certamente avere entrambi, come oggi accade nella regione Marche, è sicuramente la cosa migliore; tuttavia le ipotesi di riorganizzazione avanzate e la permanente volontà della Regione Marche e dell’ASUR di sfuggire ad un costruttivo confronto con ANPAS e le altre componenti del volontariato lasciano temere l’esistenza di una sciagurata tendenza alla cancellazione di un sistema collaudato in oltre 15 anni di operatività, senza alcuna logica (né funzionale, né economica).

Si confida quindi che quanto sopra costituisca un opportuno spunto di riflessione, propedeutico ad effettuare scelte strategiche ed organizzative adatte in funzione dei bisogni reali del paziente, e non della visione limitata o contingente di pochi amministratori pubblici, e di tecnici incapaci di addivenire ad un reale confronto.

 

 

GLI ARTICOLI E LA LETTERA 
 
< Prec.   Pros. >
  
Clicca per aprire
  
  
   
         
ANSA MARCHE